Strategia Digitale, Consulenza e Progetti Web, eCommerce, SEO, Social Media

Scrivere contenuti: due cartelle a 5€

Produrre contenuti di qualità ottimizzati SEO e in linea con la tua strategia di comunicazione. Si può per 5€? No. Ma neanche per 80€.
637

Scrivere contenuti: due cartelle a 5€ - Alberto Pozzi

Sto seguendo una questione molto dibattuta su un forum di specialisti SEO; la questione è: quanto costa farsi scrivere un articolo ottimizzato SEO, un contenuto, un post completo, diciamo di circa 2 cartelle. La cifra massima espressa è stata di 80€ . Meno di una traduzione inglese. Ponendo che ci vogliano circa due ore, siamo al costo orario di una badante (in regola).

Ma la maggioranza dei partecipanti al forum ha ritenuto 80€ un costo altissimo e invendibile, indicando 30€, 20€ un prezzo di mercato più vicino al pensiero dei clienti. Anche 10€. Oppure suggeriscono di rivolgersi ai classici “fivers” trovati on line, che per 5€ ti scrivono un articolo.

Tu sei il contenuto che pubblichi

Desideravo chiarirti che per come la penso io, ciò che scrivi nei contenuti è la ragione per cui i tuoi clienti ti sceglieranno rispetto alla concorrenza, e per cui decideranno di continuare a darti retta piuttosto che “lasciar perdere”. I contenuti che pubblichi sono l’occasione che hai (da spendersi al massimo in 7 secondi, ricordo) per chiarire ai tuoi clienti e interlocutori che sei in sintonia con loro, che conosci i problemi che hanno in testa, che conosci le soluzioni, e hai esperienza in questo campo.

Di più. I contenuti derivano da una strategia. Usando certi termini (studiati e concordati, e in linea con il brand e con le call-to-action prestabilite), mirano a determinati target, toccando determinati tasti. Incuriosiscono, creano allarme, rassicurano, mostrano vie d’uscita. Convincono con stile. Rilassano i problemi e raccontano soluzioni.

Due cartelle a 5 € ? Raccapricciante.

Pensare di affidare la criticità e la delicatezza di questa faccenda per 5€ a uno scappato di casa che in 6 minuti arraffazzona due pagine copiandole da wikipedia o dal primo blog che incontra, ecco, volevo dirvi che lo trovo raccapricciante.