Strategia Digitale, Consulenza e Progetti Web, eCommerce, SEO, Social Media

Usare professionalmente i Social Media: 5 tipi di post infallibili

Come ottenere più “like” e condivisioni dai tuoi follower? Se usi professionalmente i Social Media, sia Facebook che Linkedin, che Twitter o Instagram o altro, ecco 5 infallibili tipologie di post che favoriscono “like” e condivisioni.
253

Usare professionalmente i Social Media: 5 tipi di post infallibili

Certo, i “like” non sono tutto. Ma aiutano. Aiutano a capire se sei in sintonia con il tuo pubblico. Come ottenere più “like” e condivisioni dai tuoi follower? Se usi professionalmente i Social Media, sia Facebook che Linkedin, che Twitter o Instagram o altro, ecco 5 infallibili tipologie di post che favoriscono “like” e condivisioni.

PERCHÉ LA CONCORRENZA HA PIÙ “LIKE”?

Stai gestendo il canale Facebook del tuo business, della tua azienda, del tuo studio, della tua attività. Segui la Ferragni e vedi che fa 40.000 like al secondo, segui la tua concorrenza che fa 1024 like a post, mentre i tuoi post si fermano a 42 like quando davvero va bene. E ti chiedi come mai.

Naturalmente, è importante disporre già di una strategia digitale e di una content strategy, che ti può sollevare dal problema classico del “non so che cosa scrivere”. Per affrontare questi specifici problemi, leggi i miei articoli precedenti.

PERCHÉ TU FAI “LIKE”?

Rovescia per un momento la situazione. Solo per pochi istanti, non pensarti più come il social media manager della tua attività. Pensa invece di essere un qualsiasi utente di Facebook o Linkedin. E pensa a quali sono le ragioni per le quali TU decidi di fare “like” su uno dei tanti post che vedi scorrere in bacheca.

Perché fai “like”? Ci sono delle ragioni ricorrenti che scatenano il tuo favore. E le ragioni sono quelle che spiego in questo post. Se comprendi queste ragioni, hai in pugno la soluzione di come ottenere più “like” dai tuoi follower.

Quindi, la prossima volta che produci e pubblichi un post, pensa alle seguenti osservazioni. E pensa a produrre un post che rispecchi uno o più di questi accorgimenti. I risultati non tarderanno.

5 TIPI DI POST INFALLIBILI

Il tuo post otterrà i “like” e le condivisioni che vuoi se:

1. RISPONDE A UN DESIDERIO / BISOGNO

Se hai costruito il tuo network selezionando i follower, allora sei sulla strada giusta. Se li hai selezionati in base al fatto che tutti hanno un bisogno comune, il medesimo desiderio, allora hai costruito un ottimo bacino di interlocutori. E quindi procedi a soddisfare quel desiderio e quel bisogno.

Fornisci le soluzioni che stanno aspettando. Sollecita il bisogno, e presenta le tue soluzioni. Ma attenzione, se hai un pubblico non omogeneo, se non hai selezionato i tuoi follower sulla base di un bisogno, se cioè i tuoi follower non hanno quel bisogno, il tuo post passerà inosservato.

P.es. se hai follower che suonano la chitarra elettrica, questo post spacca. Se hai follower che non suonano nulla o che non amano produrre musica, verrà ignorato.

2. EMOZIONA

Che un post generi emozione significa che diverte, incuriosisce, sorprende, commuove, incanta, ispira, indigna, allarma, sconvolge.

Rileggi lentamente l’elenco qui sopra. Qui ci sono gran parte delle ragioni per cui tu stesso hai fatto “like” su altri post. Quel post ti aveva divertito, incuriosito, sorpreso, commosso, incantato, ispirato, indignato, allarmato, sconvolto. Ripensaci un secondo. E impara a tua volta a introdurre una o più di quelle emozioni nei tuoi post.

Andare a toccare le principali leve emotive è una delle soluzioni più semplici ed efficaci per ottenere il favore dei tuoi follower. E le emozioni possono essere molteplici e di varia natura. Con un post puoi quindi divertire, incuriosire, sorprendere, commuovere, incantare di bellezza, indignare, allarmare, sconvolgere.

Soprattutto, considera che tutti noi siamo sensibili alle emozioni. Quindi fare leva sulle emozioni è un’arma che puoi usare con qualsiasi bacino di follower, sia che tu li abbia selezionati oppure no. Insomma, sfruttare la leva emotiva funziona sempre.

Se svolgi professionalmente Social Media, impara a memoria questa “formazione”, che ti ripeto ancora una volta: divertire, incuriosire, sorprendere, commuovere, incantare, indignare, allarmare, sconvolgere

3. INFORMA

Pubblica post con informazioni fresche. Meglio ancora se fissi un argomento o due, e lo tratti in maniera continuativa, credibile e autorevole.

Questo significa da una parte essere tempestivo, e quindi “dare la notizia prima che la sappiano tutti”, ma significa anche andare oltre la superficie della notizia e trattarla in profondità; oppure, significa anche collegare correttamente più informazioni, in modo da dare un’interpretazione inedita e personale di ciò che accade.

Anche qui vale quanto espresso in precedenza al punto 1.: se tratti un tema in forma autorevole, riscontrerai dei “like” tanto quanto i tuoi follower saranno interessati ad ascoltarti, ovvero se tu li hai selezionati in base ad un interesse comune.

Se ai tuoi follower non interessa il tema che vuoi trattare, puoi esporre le informazioni più preziose e autorevoli del mondo, ma non otterrai consenso. E la colpa non è dei tuoi follower, perché sei tu che non hai creato un bacino coerente con il tema che vuoi trattare.

Fissare i temi da trattare, gli obiettivi delle azioni social media, e selezionare i follower in base ai loro bisogni si chiama fare Social Media Strategy.

4. FA RIFLETTERE

Pubblica post che espongano una tesi personale (o aziendale), una situazione, una tua opinione, una valutazione inedita, un commento, su un tema sul quale puoi esprimerti come esperto o comunque autorevole in materia, e che lasci spazio per una riflessione ai tuoi follower.

Le premesse devono essere obiettive e stringenti, e il finale deve lasciare spazio alla riflessione; anzi, funzionano ancora meglio i post nei quali chiedi esplicitamente di commentare.

Es. “Il nostro export di macchine va benissimo soprattutto in USA. Ma ora sono scattati i dazi di Trump e, pur sapendo che le nostre macchine sono migliori di quelle della concorrenza, rischiamo di non essere più competitivi in USA; dovremmo continuare a esportare in USA oppure abbandonarli e rivolgerci altrove? Voi che ne pensate?

5. RISPECCHIA UN MODO DI ESSERE

Chiunque di noi si è soffermato a leggere quelle email (o quei post) del tipo “Sei di Roma se…” oppure “Sei di Milano se…” con un elenco di comportamenti tradizionali, spiritosi, identificativi.

Lo abbiamo fatto perché siamo esseri umani, siamo naturalmente tesi verso l’aggregazione, e desideriamo far parte di qualcosa di più grande; lo abbiamo fatto perché ci sono espressioni che ci richiamano alla nostra identità.

Di conseguenza, se sai utilizzare queste espressioni, e se sai esprimere in maniera emotivamente significativa, puoi colpire molto profondamente il tuo target. E puoi convincere il tuo target ad approvare e condividere subito il tuo post. Queste sono anche le fondamenta di ciò che normalmente indichiamo con “community”.

Più in generale, impara ad individuare quelle piccole o grandi cose nelle quali tu e i tuoi follower vi identificate, ed esprimile. Individua gioie e dolori, glorie e sconfitte, speranze e preoccupazioni, fastidi e sollievi. Comunica il tuo modo di essere.

 

FAI UNA ANALISI DEI TUO POST PRECEDENTI

Ora riguarda i post che hai pubblicato. Rientrano in una di queste categorie? O nessuna? Oppure continui a pubblicare post sempre e solo in una modalità, tralasciando completamente gli altri modi di esprimerti?

Riassumendo. Costruisci una strategia digitale. Stabilisci il tuo target, a chi parlare e quali bisogni esprimono. Definisci come puoi soddisfare quei bisogni con i tuoi contenuti. Costruisci un bacino di follower uniforme con quel bisogno, selezionando i follower. E prepara un piano editoriale ben variato, tenendo presente i toni di comunicazione espressi qui.

Il resto sarà tutto in discesa.


Alberto Pozzi, Web Manager, progetta e sviluppa soluzioni web e progetti digitali per aziende. Si occupa di strategia digitale, web project management, siti responsivi, social media, progetti SEO, eCommerce, content management.